serate estive

il

Rientrare a Roma in una sera di giugno, una serata estiva, con quella pioggia breve di goccioloni che profumano anche l’asfalto di erba. Ad un incrocio c’è una signora bionda con una lunga coda un po’ arruffata, dei pantaloni larghi e un cardigan, tutta vestita di nero, che si è portata una sedia di plastica verde scuro, di quelle che ci sono ai tavolini dei bar all’aperto, e sta di fronte a una colonnina della Telecom trasformata nella sua lapide cittadina. Ai suoi piedi traffica con diversi mazzi di fiori, e lucida con uno straccio le foto di un ragazzo appiccicate con lo scotch. E non puoi non pensare al suo dolore grande, che forse bisognerebbe andare lì per dirle ‘signora che cosa è successo?’ Ha l’aria così indaffarata, così fissa su quella colonnina di plastica che sembra proprio una lapide e io penso che nemmeno se ne accorge forse che adesso piove per un po’, che è una serata calda di giugno. Che la terra gira. E’ uno di quei lutti di città che hanno un privatissimo spazio di cordoglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...