evasione fiscale italease e non solo

Nuove regole della finanza globale, scudo fiscale, codice di vigilanza finanziaria europeo. Nomi sentiti al G20 di Pittsburgh, alla riunione annuale del Fondo Monetario a Istanbul. Scudo fiscale…

Mentre Tremonti dà battaglia per il posto fisso (il suo, memore dell’esperienza 2001-2005, consapevole della miscela potenzialmente esplosiva di assetti bancari, finanza creativa e congiuntura internazionale avversa) la Guardia di Finanza…vi ricordate i manager di Italease?

***

ROMA, 27 OTT – Settantasei filiali di banche svizzere e di uffici bancari collegati a intermediari svizzeri o situati nei pressi di San Marino sono stati controllati questa mattina da centinaia di agenti del Fisco. Lo comunicano in una nota congiunta la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate. Nel mirino “il corretto adempimento da parte di banche e intermediari finanziari dell’obbligo di comunicazione all’archivio dei rapporti finanziari”. (ANSA).

(AGI) – Milano, 27 ott. – A partire da stamattina, il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Milano sta eseguendo cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip del Tribunale di Milano, Franco Cantu’ Rajnoldi nei confronti di altrettante persone (quattro delle quali residenti in Svizzera) a cui e’ contestata l’ipotesi di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio. Le indagini, coordinate dai Pubblici Ministeri, Roberto Pellicano e Mauro Clerici, sono partite dall’analisi dei flussi finanziari conseguenti ai fatti di appropriazione indebita ai danni di Banca Italease commessi da dirigenti e promotori finanziari dell’istituto di credito, per i quali gia’ nel gennaio 2008 sono scattati gli arresti. Analizzando i dati a disposizione, le fiamme gialle hanno individuato una vera e propria struttura specializzata nel riciclaggio, che ricercava contribuenti italiani interessati a trasferire all’estero fondi provenienti dalla commissione di reati, quali l’appropriazione indebita e l’evasione fiscale. Per realizzare gli obiettivi dei clienti, venivano individuate societa’ collocate in Paesi esteri (Austria, Olanda, Inghilterra, Svizzera), disponibili a concludere contratti fittizi, a emettere fatture false e a trasferire somme di denaro ricevute dall’Italia verso banche svizzere, dopo un’ulteriore schermatura attraverso societa’ off-shore (Panama, Isole Vergini). Ai destinatari dei provvedimenti emessi (un noto faccendiere svizzero, il suo braccio destro, due collaboratrici che procacciavano i clienti in Italia su tutto il territorio nazionale e un dirigente di una nota banca svizzera che si occupava di strutturare le operazioni di riciclaggio e di organizzare il rientro in contanti in Italia del denaro tramite i c.d. “spalloni”) e’ stata anche contestata l’aggravante del reato transnazionale.

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...