il governo del partito democratico, giapponese

Dopo 54 anni di governo dei liberaldemocratici il parlamento giapponese ha votato la fiducia a Yukio Hatoyama, leader del partito democratico, uscito dalle urne lo scorso 30 agosto, con una maggioranza di 308 seggi su 480.

I nipponici puniscono la vecchia leadership colpevole di non essere riuscita a tutelare nemmeno il suo benestante elettorato, durante la peggiore crisi economica degli ultimi 60’anni.

Ha fatto il giro del mondo l’immagine dell’ex ministro delle finanze Soichi Nagakawa che durante un G7 alle prese con il volto duro della recessione, fu accusato di essere ubriaco.

Il partito democratico giapponese è nato nel 1988 dalla fusione dei 4 principali partiti di opposizione ai liberaldemocratici. Lo slogan che lo ha portato alla vittoria è stato semplice ma efficace: “la vita quotidiana dei cittadini è una priorità”.

I giapponesi sono ancora orgogliosi del miracolo economico che dagli anni ’50 li ha portati ai primi posti dell’economia mondiale. Ma c’è una classe di professionisti e di medio borghesi che si sentono lasciati indietro così come avviene per le classi meno agiate.

 In questi giorni il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Tokyo è in visita ufficiale in un paese che ha dichiarato di essere uscito dalla recessione. Il Giappone peraltro è pronto a rafforzare i rapporti con Pechino per affrontare le sfide del futuro, e resta un partner strategico degli Stati Uniti nel commercio internazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...