quanto alla sicilia 2

il

Di fatti siciliani già scritti qui, qui e qui

ripeschiamo qualcosa che è successa nel periodo di ferie per eccellenza:

L’ex sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il capo siciliano della mafia Totò Riina, lo scrittore della sicilitudine Leonardo Sciascia, il generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso dalla mafia perché la conosceva bene, Massimo Ciancimino il figlio del sindaco mafioso di Palermo don Vito e altri esperti della onorata società hanno spiegato invano agli italiani che il problema numero uno della nazione non è il conflitto fra il legale e l’illegale, fra guardie e ladri, fra capi bastone e le loro vittime inermi, ma il loro indissolubile patto di coesistenza. L’essere la mafia la mazza ferrata, la violenza che regola economia e rapporti sociali in province dove la legge è priva di forza o di consenso.

Eppure la maggioranza degli italiani non se ne vuol convincere, si rifiuta di crederlo e quando il capo della mafia Totò Riina fa sapere che l’assassinio del giudice Paolo Borsellino è stato voluto o vi hanno partecipato i tutori dell’ordine, ufficiali dei carabinieri o servizi speciali, il buon italiano si dice: è l’ultima scellerataggine di Riina, mette male nel nostro virtuoso sistema sociale. Se ci sono due scrittori italiani e siciliani che hanno larga e meritata popolarità nel paese essi sono Giuseppe Tomasi di Lampedusa autore del ‘Gattopardo’ e Andrea Camilleri i cui libri sono in testa alle vendite, salvo il libro migliore, uno dei primi edito da Sellerio in cui spiegava per filo e per segno i compromessi fra mafia e Stato su cui si fonda l’unità d’Italia.
Senza alcuna presunzione di avvicinarmi a questi maestri, vorrei umilmente ricordare ai miei connazionali le ragioni per cui il capo delle mafie Totò Riina ha potuto scrivere il famoso ‘papello’ al capo del governo italiano per chiedergli, come ora ci fa sapere Massimo Ciancimino custode del documento, se, viste le buone relazioni correnti, il capo del governo non poteva mettere a disposizione del capo della mafia una rete della televisione. Proprio come chiesero e ottennero la Terza rete i comunisti quando condizionavano il mercato del lavoro.
Massimo Ciancimino, il figlio del sindaco mafioso di Palermo, ha detto o lasciato capire che i carabinieri ‘nei secoli fedeli’ si attennero nelle operazioni di mafia ad attenzioni speciali, clamorosa quanto rimasta senza spiegazioni credibili la mancata perquisizione nella villetta in cui Riina aveva abitato e guidato per anni la ‘onorata società’.

L’Espresso 13 agosto 2009

E ancora:

(AGI) – Palermo, 13 ago. – La Procura di Palermo attivera’ le procedure di rogatoria internazionale per recuperare all’estero alcuni documenti dell’ex sindaco Vito Ciancimino, morto nel 2002 dopo essere stato condannato per mafia. Tra le carte che gli inquirenti cercano c’e’ anche il cosi’ detto ‘papello’, cioe’ le richieste di Cosa Nostra messe nero su bianco da Toto’ Riina durante la trattativa con lo Stato di cui Vito Ciancimino sarebbe stato l’intermediario. Il ricorso alla rogatoria, deciso dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dai sostituti Nino Di Matteo e Roberto Scarpinato, arriva dopo nuove dichiarazioni del figlio dell’ex sindaco, Massimo Ciancimino, secondo cui il padre avrebbe consegnato i suoi documenti piu’ scottanti a un legale di sua fiducia che li avrebbe messi nella cassetta di sicurezza di una banca all’estero. A questa cassetta di sicurezza avrebbe accesso soltanto la vedova di Ciancimino, Epifania Silvia Scardino. La donna, condannata in primo grado assieme al figlio per riciclaggio e fittizia intestazione di beni, non e’ pero’ in grado di viaggiare a causa di problemi fisici. La rogatoria, dunque, sarebbe l’unica strada per acquisire i documenti. Tra questi, oltre al ‘papello’, ci sarebbero anche le bozze di un libro che Vito Ciancimino voleva scrivere sui grandi misteri d’Italia.
Eloquente il titolo: “Perche'”.

Ora perchè Ciancimino parli solo ora, centellini così bene le sue verità e la faccia lunga quanto il famoso papello, è dato di sapere davvero a pochi.

Di solito è buona abitudine (per i fatti siciliani come per quelli di tutto il mondo), cercare da che parte arrivano i soldi nell’isola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...