cose brutte

Ho lavorato con Giacomo Aschacher per quasi 4 anni credo. Non c’è bisogno secondo me di festeggiare insieme compleanni, ricorrenze o di aver consumato insieme un certo numero di cibi o bevande per dire di essere amici. Ci sono delle persone che consideri amiche non perchè condividi con loro un panino o un profilo nel mondo virtuale ma perchè le rispetti, per il loro lavoro e per il loro modo di essere mentre lo fanno.

E sono di parte, perchè Giacomo Aschacher, da quando abbiamo iniziato a lavorare insieme non mi ha mai piantata in asso, non mi ha mai risposto: io questo non lo faccio perchè non mi compete o non mi pagano gli straordinari o semplicemente non mi pagano abbastanza soldi per farlo.

In più c’è il suo lavoro che parla per lui, non devo dirlo io che è bravo.

Quando una persona così, dopo quasi 4 anni, non vede rinnovarsi il contratto, scoprendolo a due giorni dalla scadenza, è una cosa che dovrebbe indignare senza pensare se sia utile o meno protestare. Perchè è una cosa brutta. Sul piano umano e professionale. E secondo me, quando succede una cosa così brutta che non tiene conto del valore e della devozione alla causa delle persone, anche se non è utile o non cambia nulla, si dovrebbe protestare.

Per questo, i miei colleghi lo sanno, noi dovremmo scioperare, almeno un’ora se non un giorno, tutti insieme, perchè il lavoro è tanto e facciamo tutti del nostro meglio. Ma io chiedo a Luca, Marco, Marco, Mario, Alessia, Giovanna, Barbara, Marianna, Luigi e Aldo se sia davvero il caso di far passare sotto silenzio quello che è successo, perchè il mio post di solidarietà lo leggeranno in pochi o in molti, ma secondo me non è abbastanza. Perchè tutti noi diamo, tutti i giorni, molto all’azienda ed al progetto in cui crediamo e alla fine non può essere che ci venga detto dopo 4 anni meno 3 giorni dalla data di scadenza mi dispiace ma c’è un altro al tuo posto che costa meno di te.

Non è dignitoso. Non rappresenta il progetto e quello per cui lavoriamo tutti i giorni. Non è una cosa buona per Redtv.

E mi aspettavo che il Direttore ci dicesse apertamente: mi dispiace ma non era così che doveva andare.

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Luca ha detto:

    sono pienamente d’accordo, non credo che sia giusto far passare una cosa così in silenzio, in alcuni casi basterebbe poco, basterebbe parlare apertamente, basterebbe dire “purtroppo siamo costretti a” e poi se ne può discutere, certo mandare via così una persona che ha fatto tanto per la televisione, a due giorni dalla scadenza di contratto, non è corretto.

  2. Giacomo ha detto:

    Cara Paola, non sai che conforto mi danno le tue parole in questo momento difficile. In poche righe hai saputo esprimere pensieri che avrei voluto condividere personalmente con ognuno di voi.

    In questi giorni ho pensato fin troppo a questi ultimi quattro anni: da quel sottoscala di viale mazzini alle scrivanie spartite in due, tre, quattro persone fino allo spazio che ognuno di noi è riuscito a ritagliarsi col sudore della fronte… Un lavoro condiviso con tutti quei colleghi meravigliosi coi quali ogni giorno fronteggiavamo mille difficoltà solo per cercare di realizzare qualcosa e poter dire a voce alta: “questo l’ho fatto io, e ne vado orgoglioso!”. Non sempre è successo ma credo che ci abbiamo sempre provato. Ovviamente non rimpiango l’impegno che ho messo nel mio lavoro, l’ho fatto per me, non solo per il canale, ma ora mi accorgo che avrei potuto anche fregarmene, fare il minimo indispensabile e portare a casa più stipendi possibile: magari sarei stato mandato via prima, ma il modo non poteva essere certamente peggiore. Purtroppo troppo spesso mi sono accorto che la qualità non era davvero il fine ultimo per cui lavoravamo, non ci era richiesta. Per mia fortuna però, ci sono sempre state persone come te che se ne fregavano di tutto questo e andavano avanti per la propria strada, dando il meglio che potevano, ogni giorno. E’ questo ciò che mi fa più soffrire: vedere tutta la fatica di quattro anni spazzata via in soli due giorni, senza la decenza di essere avvertito con un minimo di preavviso, senza la decenza di qualcuno del canale che mi spiegasse le ragioni o magari cercasse di “contrattare” una soluzione. E invece tutto è avvenuto con una comunicazione da una società a un’altra società, senza considerare che in mezzo c’era una persona che ogni singolo mese degli ultimi quattro anni LAVORAVA per creare un’immagine dignitosa di un canale televisivo.

    Ti ringrazio ancora per le belle frasi che hai scritto e che ricambio completamente. Spero di riuscire ad incontrarti presto assieme a coloro mi hanno dimostrato grande affetto in questi giorni e anche a tutti quelli che non ho avuto occasione di salutare.

    G.

  3. marcoDeAmicis ha detto:

    Già, la dignità…

    (vai Giacomino che sul mercato tu almeno qualcosa vali!!!)

  4. AlessiaF ha detto:

    Concordo al 100 % con quanto scrive Paola.

    Giacomo è stato per tutti noi una certezza e non averlo nel team di lavoro è una grave perdita, anche umana.

    Quanto accade mi lascia perplessa. A dicembre tre persone sono state lasciate a casa e ora è toccato a Giacomo. Le motivazioni presumo siano di natura diversa ma quello che si contesta sono i modi.

    4 anni passati assieme, per quanto mi rigiarda, a Via Ostiense. 4 anni in cui siamo tutti cresciuto professionalmente contro tutte le difficoltà tecniche e professionali, del caso …

    Non posso che essere solidale con Giacomo che già conosce i miei pensieri.

    Alessia

  5. Cristian ha detto:

    Anche io, che non lavoro da voi, ma che ho avuto la fortuna di vedere quanto è bravo Giacomo, esprimo tutta la mia solidarietà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...